La psicomotricità come attività principale negli anni della scuola dell’ infanzia

percorso psicomotorio: io e mamma insieme

Sempre più spesso i genitori mossi: dal consiglio delle maestre, da una cultura più sensibile ai bisogni del bambino e/o da uno stile di vita che lascia poco tempo libero agli adulti, sono alla ricerca di attività extrascolastiche in cui coinvolgere i propri figli più piccoli.

Ma se per i bambini dai 6 anni in poi, questo impegno extrascolastico, è ormai diventato una prassi comune, e non crea quindi grosse difficoltà di scelta ai genitori, per quanto riguarda i bambini della scuola dell’ infanzia capire verso che proposte indirizzare i bambini risulta fonte di grande perplessità e smarrimento. Non sono infatti solo i genitori ad essere spaesati, ma lo stesso ambiente scolastico che li invita ad attivarsi per i propri figli, spesso ha idee confuse o quanto meno piuttosto vaghe su quali siano le giuste attività verso cui muoverli.

Il risultato quindi è che le classiche attività rivolte ai bambini della scuola primaria, si ritrovano a dover inglobare anche le fasce d’ età della prima infanzia, rispondendo solo in minima parte a quelli che sono i bisogni di bambini così piccoli.

Un bambino di 3, 4, o 5 anni infatti ha senz’altro bisogno di “fare movimento” e quindi ben vengano le classiche attività di nuoto, danza e sport vari, ma attenzione alle modalità psico-pedagogiche di questi corsi, che non sempre, ma molto spesso, essendo nati per rispondere alle esigenze di bambini più grandi, vengono svolti da operatori non preparati per comprendere le dinamiche psico-affettive dei più piccoli.

Ecco perchè invece  la PSICOMOTRICITA‘, come attività extrascolastica, dovrebbe essere per quest’ età la scelta principale:

-il gioco psicomotorio si preoccupa di sviluppare non solo le capacità motorie del bambino, ma soprattutto quelle relazionali: sicuramente infatti è importantissimo saper camminare, correre, saltare o lanciare una palla correttamente; ma se poi questo gesto in mezzo ad altri bambini non riusciamo a farlo? o al contrario se non teniamo conto che se giochiamo con altri i tempi non coincidono con i nostri, ma dobbiamo rispettare quelli del gruppo? …

Ecco, se tutte queste abilità motorie le possediamo, ma non riusciamo a METTERLE IN RELAZIONE CON GLI ALTRI NELL’ AMBIENTE, possiamo veramente credere che queste ci siano in qualche modo utili?

-lo psicomotricista è un professionista preparato per cogliere le peculiarità caratteriali dei bambini nelle diverse fasce d’ età e riesce ad individuare quelle che sono devianze psicologiche anzichè normali manifestazioni caratteriali, e può quindi essere un punto di riferimento per i genitori: creando quel ponte tra le figure pedagogiche che stanno tutto il giorno con il bambino, e che sovente individuano le problematiche; e i genitori che, vuoi per il coinvolgimento affettivo, vuoi per una mancanza di conoscenze psico-pedagogiche, di fronte alle indicazioni delle insegnati si trovano spesso spiazzati ed increduli.

In definitiva quindi, un genitore che decide di iscrivere il proprio bambino al corso di nuoto ad esempio, senz’altro è degno di lode, perchè mosso dall’ intento di far fare al bambino un ‘ attività salutare; ma d’ altro canto, se si ferma a questo tipo di proposte che sono esclusivamente sportive, perde la possibilità di far vivere al bambino delle esperienze che egli vivrà come estremamente divertenti, perchè avvengono in un contesto ludico, che al contempo però rappresentano per il bambino una grande opportunità di poter esprimere la propria personalità in un ambiente contenuto, dove l’ operatore che propone l’ attività è un professionista che si distingue dalle altre professioni, proprio per la sua preparazione a considerare il bambino non solo sul piano motorio, ma soprattutto su quello affettivo- relazionale. La perdita quindi sarà anche per il genitore, che perderà la possibilità di avere un feedback professionale da una figura esterna all’ambito scolastico, ma interna a quello pediatrico, che potrà quindi portare all’ attenzione della famiglia quelle piccole problematiche che altrimenti, nei migliori dei casi, individuerebbero solo delle preparate e sensibili insegnati, con le quali spesso, per la paura di sentirsi giudicati, si fa fatica a confrontarsi.

psicomotricità

il rituale del disegno

ULTIMI POSTI Corso Genitori/ bambini assieme

Immagine

foto di una delle attività proposte all’ interno del corso

Cari genitori, vi informo che se sabato vi siete persi l’incontro di prova, del corso di psicomotricità per genitori e bambini assieme, ma volevate comunque partecipare, siete ancora in tempo! sono rimasti infatti ancora alcuni posti liberi…

Allora che aspettate? contattatemi x avere qualche info in più 🙂

marinapavesi87@gmail.com

Anche il sito BAMBINI 0-3 parla del corso genitori/bambini assieme :)

L’ interesse per il corso di psicomotricità genitori/bambini assieme cresce!!!

Sono felice infatti di informarvi che un altro sito dedicato all’ età evolutiva, ha pubblicato un articolo che parla di psicomotricità e in particolare di questo corso che tengo a Nogarole Rocca (VR)!

cliccando su questo link “Bambini 0-3” avrete la possibilità di leggere l’intero articolo.

Buona lettura 🙂

Il sito VITA DA MAMMA parla del corso genitori/bambini assieme

Il sito VITA DA MAMMA ha pubblicato un articolo che racconta cos’è, da dove è nato, e come si svolge il corso di psicomotricità per genitori e bambini assieme! qui sotto trovate il link all’ articolo…

Buona lettura 🙂

Articolo su vitadamamma.com

 

Foto corso psicomotricità genitori/bambini di settembre 2013


Ecco alcuni scatti del corso di psicomotricità,  per genitori e bambini assieme, di settembre che si è tenuto presso il Centro Bailardino di Nogarole Rocca provincia di Verona…

 

Conoscere dei nuovi amici, e vederli sorridere e partecipare divertiti, è sempre un’emozione bellissima, che più vado avanti nel mio lavoro e più aumenta 🙂

 

Grazie a tutti per aver partecipato, e per aver condiviso quest’ esperienza insieme !!!

psicomotricità Marina Pavesi psicomotricista

P1060562la stradina

P1060568 P1060569 P1060572 P1060581 P1060591 P1060592 Mara e AdeP1060601 P1060575disegno del gioco più bello

 

 

Psicomotricità per tutti: ad ogni età, la giusta proposta!

Cari genitori, le scuole sono ormai iniziate ed è arrivato il momento di decidere verso quale attività extrascolastica indirizzare i vostri bambini.

La mia proposta è la PSICOMOTRICITA’: disciplina che attraverso il gioco e l’attività motoria, aiuta i bambini a rafforzare la propria identità, imparando a relazionarsi correttamente con gli altri e con l’ambiente!

Di seguito quindi trovate tutte le mie proposte, con tanto di locandine informative, suddivise per le diverse fasce d’ età:

-per i più piccoli: dai 24 ai 36 mesi, e per i più grandicelli: dai 3 ai 6 anni, corsi di psicomotricità ASSIEME AI GENITORI, presso il Centro Bailardino di Bagnolo di Nogarole Rocca (VR);

ATTIVITA’ RIVOLTE SOLO AI BAMBINI:

-per i bambini di 3 anni il corso sarà svolto presso Auditorium Ballet a Villafranca di Verona;

– per i bambini di 4  e 5 anni invece svolgerò il corso di psicomotricità all’interno di un progetto più ampio della Polisportiva San Giorgio di Villafranca di Verona, chiamato GIOCA LO SPORT: un percorso rivolto ai bambini dai 4 agli 8 anni  frutto del lavoro di persone qualificate (laureate in Scienze Motorie e psicomotricisti certificati CISERPP) che da diversi anni seguono il progetto con l’obiettivo di aiutare i bambini a sviluppare le condotte motorie necessarie per vivere nel modo migliore lo sport, arrivando al termine della seconda elementare a scegliere consapevolmente lo sport che vorranno praticare in futuro.

corso di psicomotricità per genitori e bambini insieme, a Bagnolo di Nogarole Rocca (VR)

corso di psicomotricità per genitori e bambini insieme, a Bagnolo di Nogarole Rocca (VR)

corso di psicomotricità per bambini di 3 anni a Villafranca di Verona

corso di psicomotricità per bambini di 3 anni a Villafranca di Verona, presso Auditorium Ballet

corsi di psicomotricità per bambini di 4 e 5 anni a Villafranca di Verona, presso la Polisportiva San Giorgio

corsi di psicomotricità per bambini di 4 e 5 anni a Villafranca di Verona, presso la Polisportiva San Giorgio

LE PROPOSTE CI SONO TUTTE, ORA MANCATE SOLO VOI!!!

per info e prenotazioni:

marinapavesi87@gmail.com

Corso di psicomotricità settembre 2013 ULTIMI POSTI!

Cari genitori, se stavate pensando di iscrivere i vostri piccoli a qualche attività motoria o extrascolastica, vi consiglio di provare la psicomotricità! Questa disciplina infatti oltre ad occuparsi di promuovere lo sviluppo motorio dei piccoli, sostiene la loro crescita psico/afettiva con un occhio di riguardo allo sviluppo relazionale con gl’ altri e con l’ ambiente!

In particolare nel corso iniziato ieri presso il Centro Bailardino di Bagnolo di Nogarole Rocca, (provincia di Verona), per genitori e bambini assieme, gli obiettivi sono quelli di:

1.promuovere la relazione genitore/figlio attraverso la comunicazione corporea.

2.conoscersi meglio grazie alle stimolazioni sensoriali che verranno proposte.

3.divertirsi giocando insieme ai propri piccoli.

Ieri, sabato 7 settembre 2013 si e’ tenuto l’incontro di prova, il corso iniziera’ quindi sabato 14, ed essendo rimasti ancora pochi posti liberi, e’ ancora possibile iscriversi!

per info e prenotazioni: marinapavesi87@gmail.com

pagina facebook: LA PSICOMOTRICISTA

Iscrizioni aperte Laboratorio di Psicomotricità :)

1-165Dopo un’ intera estate di lavoro, per poterlo rendere possibile , vi informo con grande gioia (e immensa riconoscenza a chi ha creduto nel progetto e mi ha sostenuta perché potesse diventare realtà) che finalmente siamo pronti per partire con i Laboratori di psicomotricità genitori/bambini!!!
Il primo corso, composto da 3 incontri della durata di 50 min ciascuno, si terrà nel mese di settembre presso il Centro Bailardino di Bagnolo (fraz. di Nogarole Rocca  provincia di Verona) il sabato pomeriggio.
Sabato 7 settembre sarà possibile, PREVIA PRENOTAZIONE, partecipare a una lezione di prova gratuita della durata di 30 min; alla quale seguiranno, per chi lo volesse, le iscrizioni al corso!!!
Gli orari del corso saranno così suddivisi:
GRUPPO BABY 24 mesi/3 anni: sabato pomeriggio ore 17
GRUPPO PICCOLI 3/5 anni: sabato pomeriggio ore 16
Gli orari dell’incontro di prova invece saranno:
GRUPPO BABY 24mesi/3 anni: sabato 7 ore 17
GRUPPO PICCOLI 3/5 anni: sabato 7 ore 16
Al corso potranno partecipare assieme al loro bambino sia mamma che papà, e il costo del corso per famiglia è di 30euro.
Per ogni gruppo possono partecipare, assieme ai loro genitori, un minimo di 3 bambini ed un massimo di 6.
Info e prenotazioni:
-e-mail: marinapavesi87@gmail.com
 Marina Pavesi psicomotricista messaggio di posta privato.

Perchè il gioco è importante: a tutte le età!

“E’ nel giocare e soltanto mentre gioca che l’individuo, bambino o adulto, è in grado di essere creativo e di fare uso dell’intera personalità, ed è solo nell’essere creativo che l’individuo scopre il sé.”  D. Winnicott

1-51

Il gioco è un ingrediente importantissimo per la sana crescita della personalità, tanto nel bambino quanto nell’adulto. E’ attraverso il gioco che il piccolo scopre l’interazione con gli altri e da qui sviluppa l’ EMPATIA: cioè la capacità di comprendere gli altri vivendo il loro punto di vista. Attraverso il gioco ognuno di noi cresce interiormente e si rende più sensibile verso l’ altro; e questi due momenti si sviluppano insieme, perché difficilmente si può capire l’altro se non ci si sa guardare dentro.

Ecco perché credendo fermamente nella neccessità di supportare la personalità di ognuno in tutte le fasi della vita, come psicomotricista oltre a svolgere corsi di psicomotricità per i bambini, mi impegno nello svolgimento di LABORATORI DI PSICOMOTRICITA’ rivolti a genitori e bambini assieme, perseguendo, attraverso l’ attività psicomotoria, il sostegno alla genitorialità.

Nei miei laboratori infatti utilizzo il GIOCO come mezzo fondamentale per aiutare gli adulti a:

1. scoprire delle attività, da poter svolgere anche tra le mura domestiche, per rinforzare il legame con il proprio bambino attraverso l’attività ludica;

2. riscoprire il proprio corpo, e il divertimento genuino che solo il gioco spontaneo sa generare.

 

1-104

Perché giocare fa bene a tutti e a tutte le età!  🙂